Poco fa per caso mi è cascato l’occhio su un tweet che accennava a qualcosa tra Murgia e Battiato. Il maestro lo conoscono tutti. Murgia non è Murgita scritto male, l’ex calciatore che ricordiamo soprattutto a Vicenza. E non si tratta nemmeno di Alessandro Murgia, attuale calciatore e promessa della Spal.

Ma si sta parlando di Michela Murgia, che è scrittrice e anche drammaturga! E allora mi chiedo perché?

Per la vecchia dinamica, banalissima, che impari in seconda media: parla male di uno più famoso di te per scalare ancora di più la classifica?

In ogni caso i commenti che sta ricevendo in rete Murgia, per nulla sguaiati e addirittura scritti in italiano perfetto, senza parolacce, con argomentazioni chiare, da persone che non mi sembrano dei bot e scrivono da ogni parte d’Italia, mi risultano abbastanza catartici.

Tra l’altro proprio oggi pomeriggio, un caro amico in una chat per me molto preziosa, è riuscito a farmi svoltare il pomeriggio, ricordandomi che gli amici che ti ritrovi te li meriti. E io a Marco voglio tanto bene, ha mandato un audio a cappella dell’intro di Magico Shop! E poi praticamente l’ha cantata tutta. Io gli ho risposto con Venzia-istanbul e il passaggio su D’Annunzio.

Oramai ci esprimiamo solo tramite citazioni del maestro. E qualcuno ha anche il coraggio di provarci a costruire polemiche in era di pandemia globale. Quanto era forte Murgita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *