xperia Z3 Compact

Dopo il pioniere HTC Tytn II, il Nokia E71, ho dovuto mandare al riposo anche il tanto amato e fedele iPhone 4, classe 2010.

Da qualche giorno mi affido ad un Sony xperia Z3 Compact, orange. Uscito nella seconda metà dello scorso anno, mi è sembrato il miglior prodotto qualità-prezzo sul mercato, e forse anche di più.

A risentirci.

ps
l’iPhone 4, per non avermi mai lasciato a piedi, ha trovato un’altra sim, e continuerà ad accompagnarmi con molta più serenità. Al passato grazie, al futuro sempre sì.

10 app da usare

Appena qualche giorno fa siamo stati inondati di classifiche sulle applicazioni più scaricate, gratuite e a pagamento, su quelle più popolari, e così via, del 2011.

Ad anno ormai iniziato, mi limito a fornire un elenco di 10 apps che mi sembrano veramente utili, a prescindere da qualsiasi altro elemento di analisi. E mi concentro esclusivamente su quelle gratuite; per comodità, diciamo. Ordine totalmente casuale.

Hootsuite e Plume.

Come dicono tutti, se si ha voglia e interesse di stare in rete, nel 2012 non si può più evitare di “vivere” Twitter. Ovviamente evitando di emulare i “twitteromani”, vip o non vip. Quelli che ci stanno lettaralmente 24 su 24. A proposito come fanno? Che giornata hanno?

Comunque, avere una presenza ponderata su Twitter è utile e ha senso, oltre che essere divertente. E Hootsuite ad oggi mi sento di preferirla a Tweetdeck, soprattutto da mobile.

Invece Plume è esclusivamente per utenti Android. Instagram Non sono per nulla originale nel segnalare

Instagram.

Ma è davvero impossibile evitarlo. E’ la app del momento da mesi, e lo resterà a lungo. Tutte le altre, di qualsiasi “categoria”, vengono dopo. Dà la possibilità di editare velocemente e relativamente bene le proprie foto. E poi permette di condividerle subito dove si vuole sul web. Oltre che costruire in automatico un archivio in perfetto stile e utilità cloud.

Quickoffice

Avere il vecchio e caro pacchetto Office, rivisto, flessibile e adattato ai nuovi usi e condivisioni, è diventato ineludibile. Non solo su tablet. Anche da smartphone sta prendendo piede (anche le versioni premium). Basta guardarsi intorno quando si viaggia in treno. Non necessariamente in business class.

Foursquare

Non fa solo divertire e sentire al centro dell’attenzione: aumentare i punti con i chech in e scalare la classifica del geotagging mondiale. Essere e utilizzare abbastanza Foursquare fa scoprire luoghi e opinioni che non si conoscono in modo istantaneo, spesso fornisce informazioni che sarebbe quasi impossibile reperire.

Messenger (di Fb)

Facebook è diventato sovraffollato da tempo. E manda continuamente notifiche, da cui magari in certi momenti si vorrebbe non essere disturbati. Il servizio che, invece, si vuole tenere sempre sotto occhio è la chat e i messaggi (da un po’ unificati) che Fb offre. Si tratta ormai di una vera e propria chat mondiale. Da quanto tempo non apriamo Msn? Ecco, Questa app serve proprio, ed esclusivamente, a questo. A gestire in mobilità i messaggi che ci arrivano su fb.

WhatsApp

Con l’ultimo aggiornamento di iOs e l’arrivo di iMessage ha perso un po’ di attenzione da parte degli utenti Apple. Ma resta pur sempre una applicazione rivoluzionaria, che fa comunicare con la sola connessione Internet in qualsiasi modo. Testo, audio, foto, video. E verso qualsiasi smartphone capace di supportarla. Ormai tutti.

Livestream

Il 2012 sarà un anno decisivo anche per il passaggio di massa dalla tv a Internet. Youtube sta incrementando il suo servizio Live, aumentando il numero degli utenti abilitati. Livestream ha migliorato il suo servizio, soprattutto da mobile. Ormai chiunque può prodursi, e da dove vuole, un programmino tv. Deve rispettare solo due vincoli. Una connessione Wi-Fi o Internet decente. E cose interessanti da dire e far vedere.

MyPhone+

Si tratta di una app utile in senso stretto. Permette di sincronizzare la rubrica del proprio telefono con gli amici di Fb. L’unico effetto collaterale si ha nel dover controllare che la sincronizzazione si avvenuta anche per contatti con nomi uguali o simili(foto, compleanni, info varie). E si ha un po’ di confusione nel calendario quando la rubrica supera il migliaio.
[…]

(continua a leggere su The Week.
Ecco tutti gli altri articoli di questo numero
Quattro impegni per Monti di Mario Adinolfi
Università: Spagna VS Italia
Grasse e felici di Alessia Fedele
Urlo disperato di Pina e di Lia Zeng di Cristian Umbro
Tobin Tax? No grazie )

Sempre PES vs FIFA

Se incalzati sull’eterna guerra tra Veltroni e D’Alema si può umanamente rispondere chissenefrega, lo stesso atteggiamento, per molti, è impossibile riproporlo nello scontro tra Pes e Fifa.

Come ogni anno anche in questa fine estate e inizio autunno si ripropone l’interrogativo: “quest’anno è meglio Fifa o Pes?”

Cercando su google, le innumerevoli pagine che escono fuori portano a conclusioni troppo dipendenti dal caso: quanti partigiani abbiamo letto, quanti giudizi veramente disinteressati ed epurati da qualsiasi elemento soggettivo?

Veniamo ai fatti. Sui rispettivi siti (qui e qui) sono da pochi giorni disponibili le demo di questi due giochi dedicati al calcio e sui quali ancora una volta entrambe le software house puntano molto. Segno tangibile che per i giochi veri e propri manca ormai poco. Infatti, Pes 2011 sarà in commercio dal 30 settembre e Fifa 11 dal primo ottobre.

Dopo la netta supremazia di Pes (l’erede di Winning Eleven) dei primi anni duemila, da qualche anno Fifa era riuscita a raggiungere e per qualcuno anche a superare il gioiellino di casa Konami. Quest’anno, dunque, si aspettava Pes a rincorrere Fifa o comunque a provare di distanziarla di nuovo. Le demo sembrano dare ragione agli sviluppatori della Konami, ma la Electronic Arts mantiene grandi aspettative per questo ultimo Fifa. Postiamo, senza essere troppo di parte, il trailer di chi dovrebbe partire svantaggiato e vediamo come andrà a finire: sotto natale sarà possibile avere commenti definitivi.

Buon attesa a tutti e che ognuno si accontenti delle proprie preferenze e delle decisioni che prende di conseguenza.